Il Blog di Plusx

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso

QUALE MODELLO DI LEADERSHIP

Inviato da il in Management
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 1509
  • 2 Commenti
  • Stampa

Oggi il ruolo di leader coincide con il ruolo aziendale di quella persona che ha potere, autorità ed influenza.

 

Il leader è al centro del funzionamento organizzativo e si offre come guida, motivando gli altri a seguirlo nel proseguimento della sua visione.

Questo tipo di leader funziona solo in alcune situazioni, ma non può essere considerato coerente con la realtà economico e sociale fortemente interdipendente che oggi stiamo vivendo, infatti ogni contatto, ogni scambio di informazioni, presenta delle opportunità di influenza e quindi di leadership.

La leadership cambia forma mirando a guidare l’evoluzione dei comportamenti e delle interazioni invece di specificare i  comportamenti effettivi in anticipo, in quest’ottica, il leader non è quello che motiva i collaboratori, fornisce la direzione , dà le direttive, bensì è quello che crea le condizioni per l’auto-organizzazione delle persone.

Il leader diventa così generatore di contesti che favoriscono l’emergere di interconnessioni tra gli agenti del sistema, funzionali agli indirizzi strategici che l’azienda si è data.

Come sviluppiamo una leadership di questo tipo?

-       Lasciare autonomia alle persone, far sentire le persone capaci;

-       Curare le relazioni e generare nuove interconnessioni che possono essere utili al team;

-       Alimentare una continua comunicazione del team favorendo lo scambio di informazioni e conoscenze;

-       Avere sempre ben chiari gli effetti delle proprie azioni sull’organizzazione;

-       Sviluppare forte conoscenza degli individui che hanno maggior influenza sui comportamenti e sull’ interazione delle persone e rinforzarli;

-       Non pensare sempre a soluzioni lineari infatti spesso un risultato è spesso l’effetto congiunto di più concause;

-       Le azioni operative sono sempre orientate alle persone;

In pratica, i programmi di sviluppo di leadership dovranno cambiare la loro prospettiva verso  una sempre maggiore interconnessione tra economie, società, consumatori e collaboratori di azienda.

Taggati su: leadership management

Commenti

  • Ospite
    Pino Lorizio Martedì, 17 Giugno 2014

    "Oggi il ruolo di leader coincide con il ruolo aziendale di quella persona che ha potere, autorità ed influenza."
    ho letto questa frase.......ma io non vorrei mai essere un leader così. Secondo me il vero leader non ha intorno a se dei burattini che fanno solo quello che lui decide..... il leader è quello capace di riunire intorno a se un gruppo di uomini validi che possano esprimere al massimo le loro potenzialità. Un leader non è tale perchè ha potere e autorità....un leader è tale perchè è riconosciuto dal suo gruppo di lavoro, perchè ha autorevolezza e non autorità. Il leader è quello che riesce a mettere i suoi uomini nella condizione di esprimere la loro personalità, ognuno nel proprio ruolo e la propria responsabilità.

    Rispondi Annulla
  • Fabio
    Fabio Mercoledì, 18 Giugno 2014

    Complimenti Donato, a quello che hai scritto aggiungo che è necessaria una grande passione nel voler aiutare le persone a vincere, altrimenti la leadership diventa una sfiga piuttosto che un'opportunità!

    Rispondi Annulla

Lascia il tuo commento

Ospite Martedì, 17 Luglio 2018

Questo sito utilizza cookie. Continuando nella navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Leggi la policy